...
Email

The form has been submitted successfully!
There has been some error while submitting the form. Please verify all form fields again.
torre di belem

Torre di Belém

Storia della torre di Belém

La Torre di Belém si trova nella città di Lisbona, in Portogallo, nel sud dell’Europa.

Eretta allo scopo di servire sia come porta d’accesso alla città di Lisbona sia come difesa contro possibili invasioni e attacchi dal Tago.

Questo bastione era un punto strategico a protezione anche del Monastero di Jeronimos, che costituiva punti strategici per invadere la città.

Il re Giovanni II del Portogallo (1455-1495) fu all’origine di questo edificio, così come le fortezze di Cascais e São Sebastião da Caparica.

Le coste di Belém erano un tempo protette da una nave, la Grande Nau

La Torre di Belém, ha sostituio la Grande Mau, pochi anni dopo durante gli ultimi cinque anni del regno del re Manuele I del Portogallo.

Nascita della torre di Belém

La torre, viene costruita tra gli anni 1515 e 1521 dall’architetto militare Francisco de Arruda, già progettista di diverse fortezze erette in Marocco, su terreni di proprietà dei portoghesi.

L’influenza dell’arte moresca è evidente nelle delicate decorazioni delle finestre ricurve e dei balconi, così come nelle cupole scanalate delle torri di guardia.

È probabile che alla decorazione dell’edificio abbia partecipato anche Diogo de Boitaca, il primo architetto del Monastero dos Jerónimos.

Le caditoie e i merli sono decorati da ricchi ornamenti scultorei, tipici dello stile manuelino e nel 1580, quando Lisbona fu invasa dalle truppe spagnole per la lotta al trono portoghese, la torre fu ceduta al duca di Alva, Ferdinando Alvaro di Toledo.

Nei secoli successivi la torre fu utilizzata principalmente come carcere le cui celle sotterranee venivano regolarmente allagate.

A causa della sua altezza e della mancanza di occultamento nel paesaggio, alcuni storici ritengono che la torre doveva servire principalmente da avamposto.

La torre, costruita su una piccola isola vicino alle rive del fiume Tago, ha visto la sponda settentrionale avvicinarsi gradualmente nel tempo.

Alcune guide affermano che la torre fosse al centro del Tago e che il terremoto del 1755 ne avrebbe cambiato il corso, avvicinando la torre alla riva – questa versione non è mai stata confermata.

Negli anni Quaranta dell’Ottocento, sotto l’impulso della scrittrice Almeida Garrett, la torre di Belém fu restaurata dal re Ferdinando II del Portogallo.

Allo stesso tempo, all’edificio furono aggiunti ornamenti neo-manuali. L’edificio è stato dichiarato monumento nazionale nel 1910.

Arte e architettura della torre di Belém

La torre di Belém è considerata una delle maggiori opere dello stile manuelino, grazie ai suoi numerosi motivi tipici come la sfera armillare (simbolo di Manuele I), la croce dell’ordine di Cristo (a cui apparteneva Manuele I) o testate elaborate.

Tuttavia, alcuni ornamenti della torre risalgono al suo restauro, a metà dell’Ottocento, come gli scudi recanti la croce dell’ordine militare di Cristo, che decorano la merlatura così come il piccolo chiostrino.

Le decorazioni più elaborate sono rivolte verso il Tago. Dal punto di vista architettonico, la torre di Belém può essere divisa in due parti: il bastione, a forma di esagono irregolare, e la torre di quattro piani, che si erge sulla parete nord del bastione. L’intero edificio è la prua di una caravella.

Il bastione presenta un vano voltato, la casamatta, con aperture nei muri di 3,5 m di spessore per i 17 bulloni di grosso calibro.

Il tetto aperto al centro della casamatta facilitava la dispersione dei fumi generati dall’uso di questi cannoni. La piattaforma del bastione potrebbe anche servire come posizione per armi più piccole.

Torre di Belém – Fortge portoghese

La Torre di Belém è stata la prima fortificazione portoghese con due piani di postazioni di tiro, segnando una nuova evoluzione dell’architettura militare.

Gli angoli di questa piattaforma, così come la sommità della torre, sono dotati di torrette sormontate da cupole che ricordano l’arte moresca.

La base delle torri di guardia presenta immagini di animali selvatici, tra cui un rinoceronte che è considerata la prima scultura di questo animale nell’arte dell’Europa occidentale.

Questo rinoceronte era probabilmente uno di quelli che Manuele I inviò al papa nel 1515. La piattaforma comprende anche, di fronte alla torre, una statua della Madonna col Bambino di Belém.

L’ingresso alla torre avviene attraverso un portico decorato con diversi motivi manuelini, tra cui la sfera armillare.

L’intera torre è decorata con cordoni ritorti scolpiti nella pietra, che formano un nodo anche sulla facciata nord dell’edificio. La torre è sormontata dalle statue di San Vincenzo e San Michele Arcangelo, ed è provvista di numerose finestre ad arco.

La loggia coperta in stile rinascimentale corre lungo tutto il lato sud del primo piano della torre, conferendo un tocco veneziano all’architettura dell’edificio.

I numerosi scudi che ornano i merli sono di gusto neomanuelino. La torre, alta 35 metri, ha tre piani e una terrazza che offre una vista sul paesaggio circostante.

La polvere da sparo era tenuta al livello del mare. L’accesso ai piani superiori avviene tramite una scala a chiocciola. Gli appartamenti del capitano erano al primo piano, e una cappella, la cui decorazione riprendeva la croce dell’ordine di Cristo e la sfera armillare, occupava il quarto piano.

Vivere e Lavorare a Lisbona
Torna in alto