...
Email

The form has been submitted successfully!
There has been some error while submitting the form. Please verify all form fields again.
elementi culturali portoghesi

Elementi culturali portoghesi – top 10

La cultura portoghese è legata alla posizione geografica e al percorso storico del paese.

Il Portogallo è la nazione più antica d’Europa e la sua apertura al mare l’ha lanciata nelle scoperte.

Il patrimonio culturale del Portogallo è stato caratterizzato da influenze provenienti dall’Africa, dall’America, dall’Asia e dalle persone che vivevano qui prima della fondazione, nonché dal carattere amichevole e accogliente dei portoghesi.

Patrimonio mondiale

Il Portogallo ha 25 nuclei classificati come Patrimonio dell’Umanità, che coprono monumenti, centri storici, paesaggi e patrimonio immateriale.

Va notato che prima della classificazione di Sintra non esisteva una categoria di Paesaggio Culturale.

Successivamente creata dall’Unesco, per applicare a una Serra e un Parco Naturale di natura esuberante, punteggiato di palazzi e fattorie piene di storia e cultura.

Azulejo

È una presenza costante nell’architettura portoghese e in nessun altro paese ricopre così tanti esterni e interni di case, chiese, palazzi, ecc.

Di origine musulmana, iniziò a essere prodotto in Portogallo alla fine del XV secolo, ma ha raggiunto una maggiore produzione nel XV secolo. Nel XVIII secolo, iniziò la produzione di piastrelle blu e bianche.

Il Museu Nacional do Azulejo, a Lisbona, ne illustra la storia. Basta attraversare il paese in treno, visitare le città o prendere la metropolitana della capitale per apprezzare splendidi esempi di quest’arte decorativa così caratteristica del Portogallo.

Stile manuelino

Mentre in tutta Europa si costruivano cattedrali gotiche, in Portogallo vennero introdotti nell’architettura e nella scultura elementi di ispirazione marittima e simboli del potere reale, come la sfera armillare.

Durante il regno del re Manuele I (1495-1521), il periodo migliore per le scoperte portoghesi, nacque lo stile manuelino.

Questo stile ha come esempi il Monastero dos Jerónimos, la Torre di Belém, il Monastero di Batalha e il Convento di Cristo.

In tutto il paese si possono trovare edifici e decorazioni di sapore manuelino nelle chiese, nei palazzi, nelle gogne e persino nell’architettura civile.

Barocco

Il barocco è sinonimo dello splendore e dell’ostentazione.

Vissuti soprattutto durante il regno del re João V (1707-1750), quando l’oro e le pietre preziose arrivarono dal Brasile, iniziò l’esportazione del vino di Porto.

È stato caratterizzato da opere importanti, come il Convento di Mafra, l’Acquedotto di Águas Livres de Lisboa o la Biblioteca dell’Università di Coimbra,

Oggi è presente in tutto il paese, come nei templi rivestiti di intagli dorati e piastrelle.

A nord spicca il nome di Nasoni, tra gli altri che firmarono la Torre e Igreja dos Clérigos, a Porto, o il Palácio de Mateus, a Vila Real.

A Lisbona, lo ritroviamo, nella sontuosa collezione del Museu dos Coches.

Borghi e Città

Il Portogallo è noto per il suo patrimonio e l’architettura. Oltre alle città Patrimonio dell’Umanità, tra le tante ci sono Viana do Castelo, Braga, Caminha, Barcelos, Ponte de Lima o Amarante, a nord, Viseu al centro, ma anche Santarém o Setúbal, più vicine a Lisbona, Tavira e Silves in Algarve, o Funchal e Ponta Delgada rispettivamente a Madeira e nelle Azzorre.

Se lo stile romanico del nord mostra che il Portogallo ha avuto inizio lì, anche i Castelli di confine o i Borghi storici del Portogallo centrale testimoniano quasi nove secoli di storia.

Come i villaggi di scisto o le numerose città e villaggi fortificati, di cui Óbidos, Marvão e Monsaraz sono solo alcuni esempi.

In Alentejo troviamo case in marmo e ad un piano, imbiancate a calce. Come quelli dell’Algarve, coronati da una terrazza sul tetto. Sono molti gli architetti contemporanei che alzano altissimo il nome del Portogallo, ma basti citare i detentori del Pritzker Prize: Álvaro Siza Vieira lo ha ricevuto nel 1992 ed Eduardo Souto de Moura nel 2011.

Spazi sacri

Dal nord al sud del Portogallo e delle isole, sono molti gli spazi sacri da visitare, ma tutti culminano a Fatima, con il culto della Madonna.

Tra le tante che si potrebbero elencare, vanno citate le Cattedrali sparse per il Paese, che risalgono quasi tutte al periodo della fondazione del Portogallo, ma hanno accompagnato movimenti artistici successivi.

Escludendo i templi più famosi e visitati, è da segnalare l’espressione rurale degli “Imperi” legata alle Feste dello Spirito Santo nelle isole Azzorre e anche alle Feste del Senhor Santo Cristo dos Milagres, nell’isola di S. Miguel.

Dell’epoca moresca rimangono poche tracce del culto sacro, ma il villaggio-museo di Mértola, in Alentejo, è un’eccezione che merita una visita. Fortunatamente, abbiamo molte vestigia di un’altra credenza religiosa, l’ebraismo, con segni medievali in tutto il paese, come nell’antica sinagoga di Tomar, e soprattutto vicino al confine con la Spagna, precisamente a Belmonte, Guarda, Trancoso e Castelo de Vide.

Fado

Il Fado è Patrimonio Immateriale dell’Umanità dal 2011. È stato legato al nome di Amália per molti anni, ma oggi la nuova generazione di cantanti di fado è così numerosa che Mariza, Gisela João, Camané, Carminho o Ana Moura sono solo alcuni dei i nomi più noti a livello internazionale.

Per sentirlo in tutta profondità, niente come ascoltarlo in una casa di fado, a lume di candela e l’emozione delle voci e della chitarra portoghese. Il Museo del Fado, a Lisbona, è anche un buon posto per conoscere questa musica così caratteristica del Portogallo.

Letteratura

Il Portogallo è conosciuto come un paese di poeti. La nostra poesia è iniziata contemporaneamente alla nazione con la poesia trobadorica, ma è salita al più alto livello di poesia epica, nel Rinascimento, con la pubblicazione di Lusíadas, in cui Luís de Camões (1524-1580) canta le gesta del scopo portoghese delle scoperte.

Già all’inizio del sec. XX ha acquisito contorni più universalisti con l’opera di Fernando Pessoa (1888-1935), il poeta portoghese più tradotto. Tuttavia, è stata la prosa di José Saramago (1922-2013) a vincere il Premio Nobel nel 1998.

Gastronomia

Oggi il Portogallo è testimone di un’autentica esaltazione dei sapori, dove nuovi chef combinano prodotti e ricette tradizionali con la cucina contemporanea. Cinque icone della gastronomia portoghese, hanno un posto di rilievo: il miglior pesce del mondo; la cataplana (simbolo vivente della cucina mediterranea); vino porto (inimitabile); pastel de nata (“celeste dolce”); i nostri chef (fondono la tradizione con l’innovazione e la creatività).

Il che va di pari passo con i principi per cui l’Unesco ha recentemente riconosciuto al Portogallo la Dieta Mediterranea. Inoltre, perché a tavola piace ricevere e socializzare, facendo di ogni pasto un momento di condivisione.

Vivere e Lavorare a Lisbona
Torna in alto